Ciao, sono Vanessa

V

Come vita, perché la mia vita é una vita sempre di corsa e con mille acciacchi nonostante la mia giovane età; 39 anni e sentirne in realtà 93. Non mi arrendo mai davanti a nulla anche perché nulla mi fa davvero più tanta paura; non voglio peccare di presunzione ma credetemi “ho già dato”. Conosco bene la mia immagine riflessa nello specchio, l’immagine di una donna che il mattino non sa dire a sé stessa che è bella ma solo quanto deve essere forte durante la giornata. Conosco quella donna chiamata Vanessa, con i suoi difetti e fiera di quello che nella sua vita con ambizione e tenacia si é guadagnata. Spesso la mattina non mi guardo neanche allo specchio perché tanto so già che un miracolo non riuscirò a farlo per sembrare almeno decente. Faccio parte anch’io di quelle donne “mal tirade ensema”, espressione bresciana ,che incontro molto spesso al mattino. Quindi, esco cosi come sono perché di maschere dietro le quali nascondermi non ne voglio e anche perché sinceramente non mi so proprio truccare. Sono ben cosciente che il mio assurdo carattere non è facile e come spesso si dice “o mi ami o mi odi” ed giusto cosi. Io sono quella che sono e assolutamente non voglio imporre a nessuno la mia presenza; accettatemi così come sono.

A

Come amore per la mia strampalata famiglia composta da Ginevra Vittoria, una piccola principessa di 5 anni con il martello sempre in mano e con un grosso ritardo del linguaggio che di giorno in giorno e con tanti sacrifici, esercizi e gastriti della mamma sta migliorando notevolmente. Nonno Gianni un bisnonno super di 88 anni, un uomo meraviglioso e che ha sempre amato la sua famiglia e coccolato sua moglie, le sue figlie i suoi nipoti ed ora si scioglie davanti ai suoi bisnipoti.
Ogni tanto lo prenderei a testate perché è un testone come pochi; mi domando spesso come faccia mia madre a sopportarlo ma poi quando vedo foto con GINEVRA così piene di amore so di aver fatto la scelta migliore per lui e per tutti noi. Che bella invenzione i nonni! La super nonna Anna, con lei ho un rapporto speciale ci litigo e la amo all’ennesima potenza. Lei é la mia migliore amica, il mio punto di riferimento e senza di lei io sarei persa e soprattutto non sarei la mamma che sono. Perché é a lei che devo dire grazie se sono la donna che sono. Molte volte mi sento in difetto nei suoi confronti perché a 30 anni ha rinunciato a tutta la sua vita per me e mia sorella. Lei ci dato sempre tutto anche quando non poteva e continua a farlo tutti i giorni per la mia bambina e per me… Grazie mille di cuore mamma per quello che sei…

N

Come non dare nulla per scontato perché davvero la vita è molto imprevedibile ed è per questo che va vissuta in ogni suo istante quando ero ragazzina ero una figlia da non fa desiderare perché ho sempre fatto disperare i miei genitori ed oggi sono una persona completamente diversa da quella che pensavo di essere

E

Come empatia cerco sempre di comprendere appieno lo stato d’animo altrui, sia che si tratti di gioia, o di dolore offro la mia attenzione per l’altra persona, mettendo da parte le mie preoccupazioni e i miei pensieri personali, probabilmente lo faccio anche per non ragionare troppo su di me. Cerco di escludere ogni mio giudizio morale e personale perché é questo quello che vorrei che le persone facessero con me.

S

Come single infatti sono una mamma single Mi considero una mamma normalissima con mille problematiche e mille dubbi… una mamma che ama da morire la sua piccola principessa Ginny… Mamma esausta dai capricci che spesso e volentieri urla… Una mamma che vorrebbe godersi ogni istante ma che ogni tanto vede l’asilo chiuso come una catastrofe… Mamma che vive di ogni suo respiro da 5 anni e mezzo che ogni tanto sogna di prendersi un caffè o andare in bagno da sola.. Una mamma che ama la sua bimba alla follia… grazie di avermi scelto come la tua MAMMA.
L’unica cosa che so di certo é che tu sei riuscita a tirar fuori il meglio e il peggio di me… Mi hai fatto conoscere una Vanessa che non pensavo esistesse in me… che cerca comunque!

S

Serenità.

A

Come aiuto ed proprio per è proprio che sono arrivata ad instagram per gioco e per avere un piccolo diario di ricordo delle cose belle che vivo con la mia dolcissima e un po’ anomala famiglia, formata da più generazioni dove mi sfogano e mi aiutava a non sentirmi più sola e soprattutto mi aiutava a sfogare i miei pensieri e le mie sensazioni in un momento difficile della mia vita caratterizzato da attacchi di panico in continuazione.

Vanessa