Un babbo, una mamma o una nonna che, leggono ad alta voce ad un bimbo compie un gesto d’amore unico. La lettura sino da molto piccoli porta ad avere degli sviluppi importanti nell’area linguistica, cognitiva, emotiva ed emozionale.

L’adulto ed il bimbo che si trovano nella lettura condivisa entrano in una perfetta sintonia, attraverso i mondi che attraversano di pagina in pagina.

La lettura inoltre porta ad avere tra le due parti una comunicazione piacevole fatta di emozione e complicità. Questo porta ad rinsaldare ancora di più il rapporto tra le due parti e sviluppa un maggior legame affettivo. 

Perché leggere:

1) campo emotivo consente ad un bimbo di viaggiare ed esplorare le sue emozioni

2) cognitivo offre un canale di conoscenza alternativo, favorendo la comprensione di sé e di cosa lo circonda. Importante sviluppa la sua immaginazione e creatività.

3) linguaggio né favorisce lo sviluppo.

Come leggere ai bimbi. 

Da 0 a 6 mesi, sono molto sensibili ai suoni, ai ritmi della voce e alla melodia. Consigliate le ninenanne e le filastrocche.

Da 6 ai 12 mesi, si propongono i primi libri tattili, facili da maneggiare. Che aiutano lo sviluppo tattile. Vanno sempre raccontati ad alta voce, in maniera tale che al “libro oggetto” vi si associ anche una memoria del racconto.

Dai 12 ai 24 mesi, il bimbo è attratto da libri con molte figure colorate, libri puzzle o libri PopUp. Le storie sono sempre molto semplici, facili da ascoltare e riascoltare. Spesso sono attratti da storie che propongono momenti della giornata. I libri per questa fascia possono essere _ libri sensoriali_libri emozionali _libri morali educativi. Infine la lettura deve essere sempre vissuta come un momento piacevole e non un obbligo. Deve essere vissuta come un appuntamento fisso che il bimbo si trova a desiderare.