Oggi vi parlo di Piccola Macchia….

La protagonista di questa storia è una piccola macchia nera, che ci ricorda quelle d’inchiostro delle vecchie penne di un tempo. Non ha forma,è tutta nera, è sola e si annoia.

La mamma la sprona ad uscire e ad andare in cerca di amici, nel suo cammino incontra diverse forme, tutte colorate che però la rifiutano.

Così il papà le consiglia di tornare da queste forme e tirare fuori il tesoro che c’è dentro di lei e stupirli. E così farà.

Infatti piccola macchia ha una dote incredibile, sa trasformarsi in tutto quello che vuole. Così riesce a conquistare la loro amicizia e insieme si divertono a giocare e creare nuove forme.

I bambini fanno un vero e proprio viaggio nel quale fanno incontri, si instaurano relazioni e si fanno nuove esperienze.

Di solito la nascita di un’amicizia non è sempre in salita. Anzi, spesso inizialmente c’è un rifiuto. È difficile farsi accettare…ma alla fine ognuno mostra il tesoro che c’è dentro di sè.


Piccola macchia insegna ad avere fiducia in se stessi e a credere nelle proprie potenzialità, ma anche in quelle degli altri se pur diversi da noi…inoltre grazie all’uso di macchie e forme, piuttosto che di personaggi strutturati, stimola la fantasia e la creatività dei bambini.


Le tematiche che vengono affrontate in questo racconto sono:
• Il rifiuto dei pari
• Diversità
Con l’aiuto dei grandi, ogni bambino può scoprire il tesoro che c’è dentro ognuno di loro, per mostrarlo agli altri.

Questo libro è un omaggio a grandi pittori come Mirò e Matisse.
Consigliato dai 3 anni in su.
Autore: Lionel Nèouanic
Edizioni Primavera

Raccontidimamma