Questo albo racconta di cosa è la tristezza, di come accettarla e gestirla.

La tristezza è
impersonificata in un essere, una specie di mostro triste e bisognoso di dolcezza, diverso da
noi, facendo così capire che non bisogna mai commettere l’errore di identificarsi con le
emozioni che proviamo.

La tristezza viene quando meno te lo aspetti, non bisogna avere
paura, chiede di essere accettata, ascoltata e poi se ne va.

È quella parte di noi che vuole essere
assecondata come un amico che desidera essere preso per mano, abbracciato.


Nel libro ci vengono mostrate alcune attività che possono fare bene alla tristezza, come stare in
silenzio, disegnare, ascoltare musica, bere una cioccolata calda oppure andare a fare una
passeggiata.


Bisogna sempre chiedere alla propria tristezza di che cosa ha bisogno.


Di Eva Eland
Nord Sud Edizioni

Raccontidimamma