Come e perché avvicinare i bambini ad un’alimentazione sana ed eticamente sostenibile con consapevolezza e serenità

“Fà che il cibo sia la tua medicina… e la medicina il tuo cibo”

Sono diventata vegetariana a 13 anni e ho scelto un’alimentazione 100% vegetale a 35 anni. Quando sono rimasta
incinta a 42 anni, ho confermato la mia alimentazione 100% vegetale e l’ho scelta anche per crescere mia figlia Kristel Sundari che ora, mentre scrivo questo articolo, ha 28 mesi ed è in perfetta salute psico-fisica.
Nonostante abbia diretto per poco un ristorante vegan (e per di più crudista) di successo (Shaolin State of Harmony)
ho constatato abbondantemente di persona che, almeno per quanto riguarda l’Italia, il termine vegan è un termine
molto inflazionato e soprattutto mal compreso. Per questo concordo con il Prof.Pinelli (già Professore Ass. di Pediatria Università degli Studi di Verona e autore del libro Imprinting alimentare) che parla di alimentazione fisiologica a base vegetale.
E anche a causa di questo retroscena culturale italiano, onde evitare di incappare in attacchi gratuiti e falsi, invece
dell’ autosvezzamento  ho scelto di seguire lo  svezzamento fisiologico a base vegetale dietro la guida del pediatra. E posso confermare di avere fatto la scelta giusta.

Svezzamento fisiologico : cosa è

Uno svezzamento fisiologico è quello costituito da ALIMENTI CON CARATTERISTICHE MOLTO VICINE A QUELLE DEL
LATTE MATERNO, ossia in grado di:
 soddisfare le necessità nutrizionali,
 rispettare l’equilibrio acido-base, il ritmo neuro-vegetativo dell’organismo
 favorire la crescita e il mantenimento del microbiota.
 permettere un accrescimento staturo-ponderale equilibrato,
 potenziare le difese immunitarie (che originano principalmente nell’intestino)
 aiutare a mettere in atto la prevenzione primaria delle malattie in età adulta.

Quando iniziare

Non esistono linee guida se non quelle, appunto, fisiologiche, decise dal bambino stesso. Ma come fare a capirlo? Si
può iniziare con lo svezzamento quando il bambino ha raggiunto queste competenze:

  • Capacità di stare seduto.
  • Capo eretto sul collo.
  • No riflesso di estrusione della lingua.
  • Curiosità per il cibo “da grandi”.
  • In ogni caso… NON PRIMA DEI 6 MESI.

(personalmente ho iniziato lo svezzamento a 9 mesi, una volta terminato il periodo della cosidetta “esogestazione”e
una volta che Kristel Sundari ha iniziato a mettere il primo dentino)

Il 1°mese di divezzamento rappresenta la fase di inizio di un percorso alimentare articolato in diverse tappe da
affrontare in maniera graduale e con la massima calma e serenità.
I genitori devono saper guidare il bambino, vero protagonista, verso le scelte alimentari più salutari, i cui benefici lo
accompagneranno per tutta la vita. La proposta di alimenti vegetali biologici, di stagione, freschi, ricchi di sostanze fitochimiche e micronutrienti, a tasso ridotto di inquinanti e interferenti endocrini, potrà assicurare al bimbo la prevenzione di uno stato di infiammazione, prima tappa di tutte le malattie acute e croniche.

Punti  fermi del divezzamento fisiologico

  • Allattamento al seno prolungato* (o in sua assenza, latte vegetale formulato).
  • No sale e zucchero (per evitare deviazioni del gusto).
  • No fibra insolubile.
  • Si cereali raffinati, legumi decorticati, brodo filtrato.
  • Giusto apporto di proteine.
  • Frutta grattuggiata o a piccoli pezzi dopo il 2°mese di svezzamento.
  • Introduzione del glutine dopo il 12°mese.
  • Alimenti biologici, di consistenza idonea alla fase di dentizione.
  • I batteri probiotici e prebiotici (GOS) sono presenti nel latte materno.

Nelle prime fasi di vita, al fine di potenziare il Core microbiota che nel neonato presenta ancora una scarsità di tipologie batteriche, risulta fondamentale l’allattamento al seno prolungato.

Perchè curare l’intestino e i batteri che lo popolano?

Perché i batteri probiotici si cibano di fibra vegetale (mentre quelli patogeni di proteine, grassi animali e zuccheri
aggiunti) e perché la somministrazione inutile di antibiotici per 5 giorni distrugge i batteri patogeni ma anche quelli
probiotici (e poi servono due anni per ricolonizzare in modo efficace l’intestino). Soprattutto, perché un intestino mal abitato nei primi due anni di vita mette a rischio la salute per il resto della vita.

Il cibo sano

Il tipo di nutrienti che vengono dati al bambino dalla gravidanza in poi, possono modificare il suo accrescimento
staturo-ponderale, il suo benessere, il rischio di insorgenze in età adulta e l’invecchiamento in salute. Il cibo, per
essere sano, non deve provocare la sequenza di eventi che portano ad un aumento dei radicali liberi, stress ossidativo
con acidosi metabolica cronica tissutale che genera infiammazione, anticamera di tutte le malattie.

I 5  accorgimenti indispensabili nei primi 1000 giorni di vita per la programmazione definitiva delle difese immunitarie

  •  Alimentazione fisiologica a base vegetale in gravidanza
  • Parto per via vaginale (taglio cesareo solo se inevitabile).
  • Allattamento al seno prolungato anche fino a 2-3 anni.
  • Divezzamento fisiologico tardivo a base vegetale.
  • Terapia antibiotica solo se assolutamente indispensabile e con immediata ricolonizzazione probiotica
    successiva.

Queste 5 attenzioni consentono uno sviluppo fisiologico del microbiota più idoneo a programmare in maniera
definitiva le difese immunitarie a tutela della salute del bambino per tutta la vita.

Importante

Se un bambino si ammala troppo frequentemente significa in genere che sta seguendo una alimentazione non
fisiologica (lo stesso per un adulto quando va incontro a malattie croniche). Quindi i termini dieta onnivora, vegetariana o vegana sono antiquati e fuorvianti

Esistono in sintesi solo due tipi di dieta :

  •  alimentazione non fisiologica (ex onnivora ricca di alimenti animali)
  •  alimentazione fisiologica (a base vegetale)

……………………………………………………………………………………………………………………..
Se vuoi approfondire l’argomento, Ti consiglio vivamente questi 2 libri, scritti da 2 pediatri con una vasta esperienza
nel settore.
I PRIMI 1000 GIORNI: manuale di alimentazione naturale fisiologica – Dr. Luciano Proietti e Dr.Sabina Bietolini
IMPRINTING ALIMENTARE – NASCERE E VIVERE 100 ANNI IN SALUTE – Prof.Leonardo Pinelli –
…………………………………………………