2 ottobre 2018 (1kg 259g)

come ogni giorno, pranzo veloce ed esco di casa..
Solita routine..suono, sistemo tutto nell’armadietto, mi lavo le mani e mi dirigo verso la stanza di Alice..
Guardo il peso, e poi guardo lei..
Che succede??
Per la prima volta dopo la nascita riesco a vederle il viso.. niente più C-PAP!!
La maschera che le copriva praticamente tutto il viso era sparita..da ora sì va avanti solo con le nasocannule!
Mi dissero, ovviamente,che stavano facendo una prova e se avesse continuato ad ossigenare bene non le avrebbero rimesso la C-PAP.
Quindi come sempre trattenni l’entusiasmo.
Gli occhi brillavano ma cercai di non esagerare, perché si sà che tutto può cambiare da un giorno all’altro.
Quindi non spiccicai parola.. solo un sorriso e tante lacrime.
Ero felice ma con mille emozioni e pensieri dentro la testa.
Mi sdraiai sulla poltrona e come ogni pomeriggio poggiai quel corpicino sul petto, a pensare e immaginare come sarebbe stato il nostro futuro.. ogni giorno passato dentro la terapia intensiva trascorreva così..
Mille pensieri che viaggiano veloci e il tempo che pare trascorrere così lentamente..

Ora scorrendo le foto mi rendo conto di quanto invece il tempo, anche là dentro, sia trascorso veloce.
E’ impressionante come in un solo mese, in soli 30 giorni , possano cambiare le cose..
Il mese di ottobre 2018 è stato un mese carico di emozioni e traguardi.

Voglio ricordare, con voi, una giornata in particolare.

Il 25 ottobre (1kg 890g)
Il giorno prima parlai con la responsabile del reparto. Le dissi che sarebbero arrivati i nonni dalla Sardegna e che avrei voluto approfittare della cosa per fargli vedere la loro nipotina. Un giorno alla settimana era possibile far vedere, dalla sala d’attesa, il video in diretta della culla e ciò che chiesi io, fu di fare un eccezione, cioè di fare questa diretta in un giorno diverso da quello indicato. La risposta fu “faremo il possibile” e già questo per me fu tanto.
Il giorno dopo andai da Alice come sempre. I nonni e Alessio mi raggiunsero più tardi in ospedale e attesero fuori, all’oscuro di tutto.
Dentro la TIN la situazione era un po frenetica e affollata.. solitamente, all’interno della stanza, non vi erano più di 4 persone compresa me, ma quel giorno c’erano entrambe i genitori dei bambini ricoverati e quindi, vista la situazione, immaginavo già che non fosse possibile nemmeno far vedere Alice dal video. Dopo poco si avvicinò l’infermiera -“ma quelli fuori in sala d’attesa sono i nonni?” annuì.. “allora il tempo di organizzarci e accendiamo le telecamere”. Ero felicissima!! Andai dai nonni e gli riferì la notizia.. potete immaginare la loro reazione. Dopo pochi minuti accesero il video e poterono vederla! E’ stato strano..erano li a pochi metri da lei, ma non potevano vederla dal vivo, ma ancora e solo tramite uno schermo.. ma ci siamo accontentati tutti ovviamente, visto che già avevano fatto un eccezione.

Lasciarono il video acceso per più di mezzora, solitamente era solo per 20 minuti. Nel frattempo ci fu il cambio turno. La sera era il turno di Marco, un infermiere straordinario, sempre sorridente e molto premuroso. Tanto premuroso che si avvicinò e mi disse:”ma i nonni di Alice sono fuori?sono arrivati dalla Sardegna?”- si si gli dissi -” ma allora aspetta, io li faccio entrare! Alice è qui da agosto, merita di vedere i nonni!” Lo guardai con gli occhi sgranati, non ci credevo.. uscii subito ad avvisare i nonni -“non so tra quanto, ma potrete entrare. Vi avvisa l’infermiere!”
E così fu.. non avevo mai visto i miei suoceri così emozionati.
In realtà, nonostante tutto il percorso che avevamo affrontato fino a quel giorno, non avevo mai visto mio suocero, in particolare, versare una lacrima. Non perché sia un uomo freddo, tutt’altro, credo semplicemente per il fatto che tra i miei genitori e mia suocera, ci fossero già abbastanza persone dalla lacrima facile.. ahahahah!! ci voleva il tocco magico della piccola Alice per far emozionare nonno Giovanni!

D’altronde dopo mesi di sole foto, credo proprio che per loro quel giorno, sia stato un po’ come vederla per la prima volta!