E dopo il mio articolo strappalacrime in cui parlo di mio babbo, ho pensato di fare un articolo leggero, cercando di farvi un po’ ridere. Vorrei farvi capire cosa proviamo noi mamme di gemelli, perché credetemi, sentiamo cose che voi umani non potete capire.

Non parlo di stanchezze fisica, di notti insonni eccetera! Oggi vi voglio raccontare cosa si prova a girare in un piccolo paese con una carrozzina gemellare, perché tutti si sentono in dovere di dirti qualcosa o farti una battuta!

La prima frase, classica, appena vedono una ragazza che cammina sul marciapiede con un tir è: “ma sono due?” “ma sono tutti e due suoi?” no, signora, uno l’ho chiesto in prestito alla vicina! Mi piaceva l’idea di non riuscire a girarmi dentro i negozi, e di spendere 1000 euro per un trio, per cui l’ho comprato gemellare! In una carrozzina ci ho messo un bambolotto finto!

Poi c’è lei ovviamente: “hai preso la patente per guidarlo?” ahah, che ridere!

Spesso utilizzavo la scusa “non posso fermarmi che si svegliano” e continuavo imperterrita nella mia maratona pur di non sentire queste battute spiacevoli!

Le più brutte sono le seguenti:

Due gemelli? Che disgrazia

Non ti invidio”

Povera te, non vorrei essere al tuo posto!

Ma c’erano gemelli in famiglia? O hai fatto l’inseminazione?

Signora mia, se anche io avessi fatto l’inseminazione, sicuramente non verrei a raccontarlo a lei, che è la prima volta che ci rivolgiamo parola!

Io dico: ma come ti viene in mente di fare domande del genere? Per carità di Dio, non è il mio caso perché ha fatto tutto la natura, ma se uno avesse fatto l’inseminazione, se fossero anni che cerca di avere bimbi, come si fa a dire “che disgrazia?”

E vi assicuro che non sono cose inventate!

Poi si aggiunge la frase “Eh dai così hai fatto una fatica unica e non ci pensi più” o ancora peggio: “adesso basta eh?” ma magari no? E se volessi fare una squadra di calcio? E poi perché, se dovessi farne altri, li dovresti mantenere te, cara mia?

 

Anche la storia del “non ci pensi più”, ma chi te lo dice? Io ci ho pensato e come! Ho pensato al fatto che avrei voluto avere almeno una gravidanza singola per godermi un po’ i piccoli momenti come l’allattamento, o semplicemente tenere in braccio mia figlia solo per il gusto di farlo. Per abbracciarla, coccolarla o ascoltare il suo respiro sul mio petto. Noi mamme di gemelli questo lusso non ce lo siamo mai potute concedere. Avere i gemelli è un’esperienza unica ed indimenticabile, ma la verità è che non ti farà mai godere a pieno tutti i momenti magici di una maternità. Io ho sempre preso tutto come un lavoro. Le mie giornate erano schematizzate ad orari che dovevo assolutamente rispettare.

 

La peggior frase che noi mamme di gemelli ci sentiamo sempre dire è “io ne ho uno ma fa per due”. Questa è veramente terribile perché chi la dice non sa cosa ci sia dietro ad una famiglia con gemelli.

Se uno non dorme è comunque uno. Io ne ho avute due che non dormivano. Si addormentava una e si svegliava l’altra. Tutto quello che tu fai una volta, cara mono-mamma, io lo faccio due volte. Tu cambi 6-8 pannolini al giorno, io ne cambio dai 12 ai 18! Tu ne allatti uno alla volta, a richiesta. Io le attacco insieme, con le ragadi su entrambi i seni! Oppure prima una e poi l’altra. E quando non sono attaccate mi tiro il latte per cercare di stimolare il seno e riuscire a sfamarle entrambe. Sulla porta d’ingresso di casa mia mi sono fatta fare l’insegna “LATTERIA BORDONI!”, nel caso qualcuno ne volesse acquistare un po’ da asporto!

Poi una volta mi capita lui, il genio di turno: “COMPLIMENTI AL BABBO EH!!!” Certo, perché non lo sapete che dalla lunghezza del pene dipende il numero di figli? Chiedetelo a Rocco Siffredi, lui va di 10 figli alla volta!!

La classica domanda che ogni persona ritiene di avere il diritto di fare è: “maschio e femmina?” Allora io non ho mai amato il rosa sono sincera! Ma non ho neanche mai vestito una bimba di rosa e una di azzurro. Per quale motivo avrebbero dovuto pensare che uno fosse un maschio e una femmina? Una volta ho chiesto a mia volta: “mi scusi, mi potrebbe dire quale pensa sia il maschio?” un’altra ancora non ho resistito e ho risposto “si, maschio e femmina: Adelaide e Leonardo!” Oppure c’è ancora chi ti dice “ah peccato, un maschio e una femmina sarebbe stato meglio” Grazie del consiglio signora mia, la prossima volta cercherò di essere più precisa!

Le mie bimbe sono molto diverse, e lo sono sempre state anche da piccole. Una bionda e una castana. Una occhi azzurri e una marroni, ma c’è anche chi mi ha chiesto: “mamma mia, sono identiche, come fai a riconoscerle?” ho risposto gentilmente che infatti ero l’unica a riconoscerle, anche il babbo spesso si confondeva.

Oppure le più esperte, le colte, che con aria saccente chiedevano: “sono diverse, sono OVOZIGOTI?” si, signora, le ho covate una alla volta, e sono uscite dal sedere!

Nello stesso giorno mi è capitata una domanda strana. Lo ricordo come se fosse ieri, eravamo davanti ad una piccola macelleria, la signora era bionda, con i capelli corti e il rossetto rosso sulla bocca. Me la ricordo bene perché ancora oggi non ho capito cosa volesse chiedermi: “ma sono uscite insieme?” Io ho riposto “prima una, e cinque minuti dopo l’altra” ma non sono sicura che fosse la risposta giusta.

Ma la miglior frase che mi sia mai sentita dire l’ho lasciata per ultima.

Io ed una mia amica (anche lei mamma di gemelli), andavamo spesso a camminare insieme la sera per far addormentare i bimbi. Perché noi mamme bis abbiamo da sempre anche il problema di come addormentare i bimbi. Di sicuro non beatamente e dolcemente al seno. La soluzione migliore è sempre stata quella di una passeggiata all’aria aperta, perché si addormentavano contemporaneamente senza spaccarti la schiena!

In ogni caso una sera è venuto insieme a noi anche suo marito. Il genio che più genio non si può l’ha guardato, gli ha strizzato l’occhiolino e gli ha detto “SONO TUTTI e 4 TUOI?” Si, piacere, siamo la famiglia Cesaroni!

 

Spero di avervi fatte sorridere almeno un po’, e mi raccomando, quando incontrate mamme di gemelli tirate dritto! Ricordatevi che anche gli sbalzi ormonali sono doppi!