ANSIA DA PRESTAZIONE NEI BAMBINI : COME AFFRONTARLA?

L’ansia da prestazione nei bambini nella società odierna, così altamente produttiva e performante, ci si imbatte spesso. Si caratterizza come una paura eccessiva di sbagliare e può manifestarsi in grandi e piccini.

Immaginate cosa possa accadere nella mente di un bambino quando si confronta con aspettative esterne eccessive.

I bambini non possiedono gli strumenti cognitivi per comprendere cosa sia meglio per loro : nella migliore delle ipotesi verbalizzeranno il loro disagio o lo esprimeranno a livello somatico, nella peggiore avverrà un vero e proprio blocco dell’azione con il conseguente evitamento di tutte quelle situazioni da loro percepite come altamente valutative (contesto scolastico, sportivo, gruppo dei pari, etc..).

Cosa è necessario

Spronare i nostri figli al miglioramento quotidiano e alla scoperta delle risorse interiori che possiedono per far fronte alle sfide della vita; ciò, infatti, mette in circolo una sana spinta energetica volta alla crescita personale.

 

A cosa bisogna fare attenzione

Quando questa spinta diventa notevolmente pressante, una sorta di imperativo interiore secondo cui “Sono una persona amabile soltanto se dimostro di comportarmi da figlio, compagno, alunno perfetto” il rischio è una contaminazione dell’autostima del bambino con la perdita progressiva della sua spontaneità.

COSA POSSIAMO FARE NOI GENITORI PER AIUTARE I NOSTRI BAMBINI AD AMARSI INDIPENDENTEMENTE DAI SUCCESSI/INSUCCESSI COLLEZIONATI?

COSTRUIRE UNA RELAZIONE BASATA SULLA FIDUCIA E SULL’ACCETTAZIONE DI TUTTE LE LORO CARATTERISTICHE

Diamo vita ad uno spazio di dialogo entro cui aiutarli a conoscersi e ad accogliere i loro punti di forza e di debolezza.

Insegniamo loro che i cosiddetti “difetti” fanno parte del pacchetto di ciascuno di noi e che volersi migliorare giorno dopo giorno è il più grande atto d’amore e di cura verso se stessi.

TRASFERIRE L’IMPORTANZA DEL PERCORSO PER ARRIVARE AL RISULTATO

I bambini avranno molta più memoria di ogni singolo sforzo compiuto per ottenere il risultato (eseguire un balletto di danza, vincere una gara, preparare una torta) che il risultato stesso e ciò aiuterà a convogliare le energie verso una sfida sana giocata con se stessi e non contro gli altri.

NON CONFRONTARE MAI I PERCORSI EVOLUTIVI DEI NOSTRI FIGLI CON QUELLI DI ALTRI BAMBINI

Le tempistiche sono altamente soggettive, piuttosto di fronte ad un insuccesso aiutiamoli a ricordare quali risorse hanno messo in campo le volte in cui ce l’hanno fatta. Accogliamo le sconfitte come occasioni di crescita e ripartiamo insieme per ricalibrare gli sforzi : un bambino che impara a tollerare la frustrazione sarà un adulto resiliente dinanzi alle difficoltà incontrate.

RALLENTARE IL RITMO FRENETICO NOI GENITORI IN PRIMIS

I bimbi di oggi sono letteralmente fagocitati dalle attività scolastiche ed extrascolastiche, non hanno il tempo di fermarsi e di giocare spontaneamente, di utilizzare la noia come spazio creativo per l’immaginazione. Questi ritmi possono diventare fonte di stress per noi e per loro, impariamo a mettere pausa e godere del tempo trascorso insieme.

OFFRIRE UN ESEMPIO AUTENTICO E COERENTE

Per dare seguito a tutti i bei concetti fin qui elencati è imprescindibile partire dall’esempio che offriamo loro quotidianamente.

I bambini apprendono per imitazione : interiorizzeranno più rapidamente l’atteggiamento che noi per primi abbiamo nei confronti degli insuccessi piuttosto che le belle parole raccontate loro.

La chiave di accesso al mondo dei nostri figli consiste nel ricontattare la nostra parte bambina . Questo ci permetterà di essere meno severi con  noi stessi e realmente autentici nella comunicazione nel momento in cui gli diciamo : “Va bene così, sbagliando si impara!”

La più grande sfida educativa dei nostri tempi consiste nel trasmettere ai nostri bambini un bagaglio di valori a cui potranno sempre fare riferimento.

La fiducia, il rispetto, l’ascolto di se stessi e degli altri sono gli ingredienti principali per una crescita emotivamente equilibrata.

 

 Mi puoi trovare su instagram @psicobenessere_in_rete

canale youtube: clicca qui

articoli precedenti: clicca qui