cesta giochi La rotazione dei giochi: cos’è?

La rotazione dei giochi è un argomento molto trattato all’interno delle scuole, ma poco trattato nelle case e nelle famiglie. In realtà, sarebbe utile iniziare a metterlo negli argomenti da trattare anche nei corsi post parto o nei gruppi mamme, perché se si sfrutta nel modo giusto, ci aiuta a non riempirci la casa di tantissimi giochi per poi vedere usare sempre gli stessi.

Premesso che ogni bambino dovrebbe avere nella casa un angolo tutto per lui, è importante pensare a come organizzare questo spazio. La disposizione dei materiali è importante per favorire l’interesse del bambino e per proporre i giochi nel modo più adatto per la sua età.

In cosa consiste la rotazione giochi?

La rotazione giochi è uno strumento potentissimo, se usato nel modo giusto!

Significa osservare il bambino e capire quando l’interesse per una proposta sta diminuendo, in modo da cambiarla o proporla in modo diverso. Questo richiede uno sguardo attento sui bambini e anche una consapevolezza della fase di sviluppo in cui si trovano.

Ogni proposta deve avere il suo contenitore. Una cesta per ogni tipologia di gioco aiuterà il bambino anche a imparare a riordinare e collocare ogni cosa al proprio posto. Spesso invece capita che, anche per comodità dei grandi, ci sia una grande cesta dove quando si è finito di giocare, si ripone tutto.

Questo non lo consiglio, perché crea caos anche a livello mentale del bambino e non differenzia l’utilizzo e la collocazione dei giochi. Sarebbe auspicabile, come dicevo, avere una piccola cesta per ogni gioco che proponiamo. Allo stesso tempo è sufficiente proporre 3-4 attività diverse, quindi non avremo mai la sala piena di giochi!!!

Quali giochi scegliere?

Importante è anche la scelta della tipologia di proposte che mettiamo a disposizione del bambino.

Ovviamente il tutto va adattato all’età, ai gusti e ai bisogni specifici del momento. Per me però esistono degli “immancabili”:

  • libretti, di vario tipo a seconda dell’età del bambino. Facciamo rotazione anche con questi quindi mettiamo a disposizione un tot di libri che poi cambieremo quando l’interesse verrà meno
  • animali: di solito piacciono a tutti! Maschi e femmine, senza distinzione, e a seconda dell’età vengono usati dal bambino in modo diverso
  • gioco simbolico: questo è un cesto che inizierei a proporre dai 18 mesi in poi circa, o comunque da quando vedete che il bambino inizia a imitare ciò che fate ogni giorno. Possono essere una bambola, la cucinetta, i travestimenti, gli attrezzi, ecc.
  • costruzioni di vario tipo, anche queste dai 2 anni circa, quando il bambino inizia a verticalizzare. Fare rotazione giochi con diversi tipi di costruzioni lo aiuterà a non perdere interesse (clippo, lego, tubi, ecc)
  • gioco destrutturato: proporre dei vassoi o cesti con materiali di recupero o materiali naturali, aiuterà tantissimo il bambino a stimolare la fantasia. Vedrete che, a seconda dell’età, creerà mondi fantastici in cui immergersi insieme! Per questo gioco è importantissimo osservare il bambino anche per sapere quali materiali possono esser proposti in sicurezza, senza il pericolo che li metta in bocca e si soffochi.

Perché quindi, la rotazione giochi?

I vantaggi per il bambino li abbiamo visti: maggiore interesse, stimola in gioco autonomo, aiuta a mantenere l’attenzione e la curiosità, ecc.

Per il genitore ci sono altrettanti vantaggi come:

  • è possibile avere pochi giochi diversi, perché proponendoli a periodi, per il bambino saranno sempre “come nuovi” e non sarà necessario continuare a comprare altro
  • avere un cesto per oggetto aiuta a avere ordine e aiuta il bambino a imparare a sistemare. Ricordiamoci che l’attività di riordino è parte dell’attività stessa ed è importante che il bambino impari a farlo, fin da piccolo.
  • osservare il bambino: all’inizio non sarà così automatico, ma quando imparerete a osservare il bambino con più attenzione, a cogliere i segnali ecc, questa risorsa la applicherete anche in altre fasi della vita da genitori e vi sentirete ancor più esperti del vostro bambino.
  • proporre attività destrutturate può esser un modo per scoprire il mondo: possiamo uscire nei campi con i bambini a cercare leggenti, al mare le conchiglie e poi riportarle nelle proposte. Questo aiuta a condividere la proposta e a renderla speciale.

 

E voi, fare la rotazione dei giochi? Come reagiscono i vostri bimbi?

Raccontatemi le vostre esperienze alla mail valentinaeducatricedoula@gmail.com o su ig alla pagina Valentina educatrice doula