È ESTATE …… e i succhi di frutta? Come dobbiamo comportarci con i nostri figli?


Buongiorno mamme e papà con l’articolo di oggi vorrei sospendere per un momento il filone relativo alla fertilità e focalizzarmi invece su un argomento più stagionale.

L’estate è arrivata, i nostri figli trascorreranno più tempo a casa e svolgeranno ad es. molti campi estivi e attività strutturate all’aperto.
Spesso per comodità nello zainetto o nella borsa da pic-nic ci sono: i succhi di frutta.

Vorrei quindi soffermarmi un po’ su questo argomento e darvi delle informazioni provenienti dalla letteratura e da un documento redatto qualche anno fa dalla Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) di cui faccio parte.

Iniziamo con alcune definizioni: succo 100% frutta.

E’ un prodotto ottenuto interamente dalla frutta spremuta. Come il frutto intero, il succo è costituito, per circa il 90% da acqua, vitamine, sali minerali e fitocomposti che derivano dal frutto intero spremuto e per il restante 10% da zuccheri naturali. La normativa europea non consente l’aggiunta di conservanti, zuccheri ed aromi al succo 100% frutta. Cionondimeno, l’OMS inserisce gli zuccheri contenuti nei succhi di frutta nella categoria degli “zuccheri liberi”.

Il Nettare di frutta invece è prodotto a partire dal succo 100% frutta o dalla purea di frutta o da entrambi, a cui si aggiunge acqua ed eventualmente zucchero o edulcoranti. E’ consentita anche l’aggiunta di un numero molto limitato di additivi, che svolgono essenzialmente una funzione antiossidante o acidificante, mentre è vietato l’utilizzo di conservanti, coloranti nonché́ aromi.

La normativa europea prevede che i nettari ottenuti esclusivamente dalla purea di frutta possano essere definiti come “succo e polpa di …”. Secondo la normativa europea, la quantità̀ minima di frutta contenuta nel nettare si colloca tra il 25 e il 50%, in base alla varietà̀. Benché́ la direttiva consenta l’aggiunta di zuccheri ai nettari fino a un massimo del 20% del peso totale del prodotto finito, la quantità̀ media effettiva di zuccheri aggiunti per i prodotti fabbricati in Italia si colloca tra l’8 e il 10% in relazione al tipo di frutta di partenza.

Infine vengono definite bevande a base di frutta i prodotti che non rientrano nelle definizioni di cui sopra.

I LARN (Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia) raccomandano di limitare il consumo complessivo di zuccheri semplici a meno del 15% dell’apporto energetico. Il contenuto di zuccheri nei succhi di frutta 100% è correlato a quello dei frutti da cui i succhi derivano. Lo zucchero maggiormente contenuto nella frutta è il fruttosio e il contenuto di fruttosio di una porzione di frutta (mediamente circa 6 g, pur se molto variabile a seconda del tipo di frutta) e quello di una porzione di succo di frutta 100% (circa 8 grammi e altrettanto variabile) sono pressappoco equivalenti.

Spesso noi professionisti sanitari sottolineiamo quanto sia importante ridurre il consumo di fruttosio nei bambini limitando il consumo di merendine e caramelle che lo contengono ed optando per prodotti senza fruttosio aggiunto ma, l’introduzione di frutta in quantità̀ raccomandata, determina un apporto di fruttosio in quantità̀ lontane da quelle che esercitano effetti negativi sulla salute.

Lo stesso può dirsi per i succhi 100% frutta se consumati in quantità̀ moderata e se non associati al consumo sistematico di altre bevande zuccherate o altri prodotti contenenti fruttosio.

Un altro importante aspetto da sottolineare riguarda la fibra.

La frutta è una buona fonte di fibra totale e di fibra solubile, sebbene in misura variabile a seconda del tipo di frutta.

La trasformazione in succhi di frutta riduce notevolmente il quantitativo di fibra rispetto al frutto di partenza, tanto da divenire per lo più̀ trascurabile dal punto di vista nutrizionale. Un adeguato consumo di fibra alimentare è un fattore protettivo verso le patologie cardiovascolari e neoplastiche.

Questo è uno dei motivi per cui il succo 100% frutta non può essere considerato come sostitutivo della frutta.

Infine le linee guida per la sana alimentazione raccomandano di assumere vitamine e sali minerali preferibilmente da frutta e verdura fresche nell’ambito di una dieta complessivamente bilanciata. Alcuni succhi di frutta possono essere dichiarati “fonte” di micronutrienti quali vitamina C e, in minor misura, acido folico e potassio. Alcuni micronutrienti sono più̀ biodisponibili nei succhi di frutta che nelle verdure o nella frutta fresca da cui derivano.

Un limitato consumo di succhi 100% frutta, all’interno di una dieta ricca di prodotti vegetali. Può contribuire al raggiungimento degli apporti raccomandati di potassio e di alcuni micronutrienti.

In Italia, i LARN indicano che la porzione standard di frutta fresca è pari a 150 g.  Ne viene raccomandata l’assunzione di più porzioni al giorno. La porzione di succo di frutta corrisponde a 200 mL. Le Linee Guida italiane per una sana alimentazione non prendono in considerazione i succhi di frutta come alternativa alla frutta fresca, considerandone il consumo voluttuario.

Ricordando che le abitudini alimentari durante l’infanzia sono determinanti importanti del consumo di frutta e verdura nei periodi successivi della vita. Poiché si ripercuotono sul comportamento in età adulta. Occorre incoraggiare fin dalla prima infanzia abitudini alimentari sane preferendo in primo luogo il consumo di frutta fresca di stagione e limitando il consumo di succhi di frutta.

Concludendo come dobbiamo comportarci?

Innanzitutto preferiamo i succhi 100% frutta rispetto ai nettari (succhi di frutta con % di frutta minori e zuccheri aggiunti). Leggiamo bene l’etichetta. Limitiamone la quantità. Il succo non deve essere assunto ad es. tutti i pomeriggi a merenda ma come dicono le linee guida senza sistematicità, in modo occasionale.

Quindi quando facciamo la gita il fine settimana perché no? Possiamo inserire un succo 100% frutta nello zaino e coccolare così i nostri bambini concedendo loro una bevanda che gli piace molto. Nei restanti giorni invece metteremo delle albicocche o delle pesche con una borraccia piena piena di acqua fresca.

Spero che questo articolo vi sia stato utile e auguro a tutti Buona Estate!!

È ESTATE  …… e i succhi di frutta? Come dobbiamo comportarci con i nostri figli?